Domanda

E' ammissibile il sequestro preventivo di beni rientranti nella massa fallimentare?

RISPOSTA

Le Sezioni Unite con sentenza del 25 maggio 2004, n. 29951, hanno affermato che è legittimo il sequestro preventivo, funzionale alla confisca facoltativa, di beni provento di attività illecita e appartenenti ad un’impresa dichiarata fallita, nei cui confronti sia instaurata la relativa procedura concorsuale, a condizione che il giudice, nell’esercizio del suo potere discrezionale, dia motivatamente conto della prevalenza delle ragioni sottese alla confisca rispetto a quelle attinenti alla tutela dei legittimi interessi dei creditori nella procedura fallimentare.

 Il sequestro avente ad oggetto un bene confiscabile in via obbligatoria deve ritenersi assolutamente insensibile alla procedura fallimentare, prevalendo l’esigenza di inibire l’utilizzazione di un bene intrinsecamente e oggettivamente pericoloso in vista della sua definitiva acquisizione da parte dello Stato.

SCARICA I DOCUMENTI

Scarica GRATIS i documenti di approfondimento

01.

Guida Pratica: Effetti sui rapporti processuali

02.

Guida Pratica: Divieto di azioni esecutive e cautelari individuali

03.

Codice Commentato: Art. 43 R.D. 16-03-1942, n. 267 - Rapporti processuali